Premio Fifa: quando la diplomazia è un problema

Ogni volta che i premi Fifa non riflettono bene quanto accaduto sul campo in una stagione, tendiamo ad attribuire il risultato discutibile delle elezioni ai voti provenienti da paesi la cui tradizione calcistica equivale all’importanza che il Brasile ha, ad esempio, nel Lacrosse. Di solito ci sono voti che confermano la teoria. Quest’anno, Il Capitano delle Isole Vergini Kavon Caesar, forse indossando la maglia del Liverpool, ha votato Van Dijk, Mané e Salah come i tre migliori al mondo, mentre il più casuale Akram Alhadi, capitano del Sudan, ha eletto Mané, Thiago Alcântara e Cristiano Ronaldo.

Guardando più da vicino la lista dei voti, tuttavia, non è difficile vedere che questo non è il problema. O, almeno, non è l’unico se ci aspettiamo un risultato tecnico delle elezioni.
Basti notare, ad esempio, che gli allenatori di Italia, Argentina, Spagna e Francia, quattro delle squadre più rilevanti del calcio mondiale, non hanno messo il polacco Lewandovski, vincitore del premio in una stagione irreprensibile, nemmeno tra i tre migliori dell’anno. Se avessero lasciato la Papua Nuova Guinea o il Bhutan, i loro voti sarebbero stati derisi dalla loro origine geografica. Se da un punto di vista tecnico è complicato spiegare i voti degli allenatori di queste importanti selezioni – almeno tenendo conto dei criteri del premio –, non è nemmeno possibile affermare che le loro scelte fossero quelle che erano perché non conoscono o non seguono abbastanza il calcio.

Il problema principale con il premio Fifa è forse il fatto che tre quarti del suo collegio elettorale, per ragioni che mi sembrano anche giuste, non hanno necessariamente come loro più grande preoccupazione di votare per raggiungere quello che è, in teoria, l’obiettivo del premio: scegliere il migliore dell’anno. Siamo onesti. Se tu fossi l’allenatore della nazionale portoghese smetteresti di mettere

Cristiano Ronaldo al primo posto nella tua lista?

Se guidasse il Brasile, Neymar non sarebbe il numero uno? Come allenatore del Senegal, scommetto che Mané sarebbe il suo preferito. E se allenassi il Belgio sceglierei De Bruyne, giusto? Come allenatore della Francia, il tuo voto non sarebbe Mbappè? La risposta a queste domande sembra così ovvia che tutti gli allenatori delle squadre di cui sopra hanno votato per i loro migliori giocatori per il meglio del mondo. Una scelta logica dal momento in cui il lavoro di un tecnico di selezione è, prima di tutto, pensare alla sua selezione. E se un voto diverso da quelli sopra citati potrebbe minare una figura importante nelle vostre squadre e danneggiare il lavoro sul campo, perché votare diverso?

I tecnici di selezione non hanno alcun impegno per una scelta tecnica quando votano per un premio sapendo che le loro scelte saranno divulgate ai loro comandanti. Hanno preoccupazioni più importanti da un punto di vista professionale. Lo stesso vale, anche se per altri motivi, per i capitani delle selezioni. O è per caso che Messi, proprio come Thiago Silva, ha votato per l’amico Neymar per PRIMO? Chiellini ha votato per Cristiano Ronaldo, la stella della sua squadra; Hazard e Modric mettono Sergio Ramos, capitano di entrambi al Real Madrid, tra i tre. L’elenco degli esempi è enorme.

I voti degli allenatori e dei calciatori, da qualunque parte provengano, sono comprensibilmente basati su relazioni professionali o personali. Nessuno può biasimarli per questo, ma i loro voti sono, per la maggior parte, pura diplomazia. E anche quando il criterio non è diplomatico, se la scelta ricade sulla simpatia, l’antipatia o qualsiasi altra ragione meno tecnica, nessuno la condannerà. E ‘ lo standard.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

÷ 1 = 5