L'Olanda sfiderà gli Stati Uniti nella finale della Coppa del mondo femminile

Il Team Orange, attuale campione europeo, lotterà per il titolo nella sua seconda partecipazione ai Mondiali dopo aver sconfitto la Svezia. Gli Stati Uniti hanno già avversario per la finale di Domenica a Lione (12h, ora di Brasilia): è L’Olanda, che ha battuto la Svezia questo mercoledì Da 1-0, con un gol ai supplementari in una partita infinita, trascinata e piuttosto noiosa. Jackie Groenen ha segnato su un tiro di destro dalla traversa nove minuti nel primo tempo. Ha calciato con tutta la forza che aveva lasciato dopo più di 90 minuti di gioco. La selezione arancione è andata in finale, contro tutte le previsioni. La Coppa di Francia 2019-torneo per il quale si è qualificato nel repechage — è la sua seconda partecipazione a una Coppa del mondo; in Canada 2015 è caduto negli ottavi.

È l’attuale campione europeo e ha eliminato la Svezia nei quarti di finale di questo torneo, giocato in 2017. Negli ultimi quattro anni, ha avuto una crescita spettacolare. Nessuno all’inizio del torneo scommetteva sui Paesi Bassi come finalista. La squadra è riuscita dopo aver superato Svezia, Italia e Giappone e dopo aver vinto tutte le partite della fase a gironi. Non senza critiche, almeno nella stampa olandese, per il loro calcio. Incurante in difesa, con buona impronta, ma senza nulla di Creato.

Quali sono i piani per le partite future?

“Il fatto che siamo campioni D’Europa ci ha dato visibilità e qui stiamo vivendo quello che è avere l’attenzione sul nostro gioco”, ha detto Sarina Wiegman, l’allenatore olandese, nella conferenza stampa prima della semifinale. Ha riconosciuto che avevano sentito la pressione e che non potevano giocare comodamente. Né hanno fatto questo mercoledì contro la Svezia, che ha preso le redini del gioco. Un incontro combattuto, con molti falli, molti stop e poca lucidità in entrambe le aree. I protagonisti erano i portieri.

“Per quanto riguarda l’euro, la differenza, ovviamente, è grande. I tifosi si aspettano che siamo campioni del mondo”, ha concordato Miedema, attaccante ambidestro Dell’Arsenal e leader dell’attacco Olandese, nonostante abbia solo 22 anni. Questo ruolo è supportato dai 61 gol segnati in 80 partite dalla squadra nazionale. Sfidare gli Stati Uniti — tre volte campione del mondo-sembra una missione impossibile, a maggior ragione con un giorno di riposo in meno e un’estensione della gamba. Ma L’Olanda vuole provare. Non hai niente da perdere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui