Cuadrado, il calciatore colombiano dell'anno per time

E ‘Lunedi’. La notte inizia a calare in Italia. Cuadrado deve riposare perché il giorno dopo ha gioco. Non importa, ascolta il richiamo del tempo. Si sente allegro, di buon umore, e di più quando gli viene detto che è stato scelto come il migliore dell’anno. Ride, grazie a Dio, e devi rivedere quello che è stato il tuo 2020 con la maglia della Juventus, il club in cui quest’anno ha superato le 300 partite in Serie A, in cui ha vinto un altro ‘scudetto’, e dove ha avuto il privilegio di essere il primo capitano.

A Cuadrado non piacciono le domande su di lui e sulla Nazionale Colombiana, risponde a testa alta, come se lanciasse solo assist. Cosa ne pensi di essere il miglior calciatore colombiano dell’anno? Molto felice, immagina, grato a Dio per questo, perché è lui che mi sostiene. Questo è il risultato del lavoro e di tanto sacrificio e disciplina che si mette nel giorno per giorno. Sono orgoglioso di questo riconoscimento. Ha ricevuto molte lodi quest’anno.

Come valuti il tuo 2020?

Ho fatto molto bene. La scorsa stagione abbiamo iniziato con (Maurizio) Sarri e ora con (Andrea) Pirlo, giocando come laterale. Penso di essere cresciuto calcisticamente, non solo in attacco, ma in difesa, e questo mi ha aiutato molto ad essere concentrato e mantenere una buona prestazione. Questo è quello di mantenere tale disciplina e vogliono migliorare ogni giorno. Come hai gestito lo stress della pandemia? E ‘ ogni giorno. Ogni due giorni alle prove, quando c’è una partita di campioni sono più test, e tutto ciò che è complicato. E ci si sente nostalgici per arrivare a giocare un Barcellona-Juventus e non avere un pubblico, è difficile, ma noi amiamo il calcio e siamo così appassionati che anche senza pubblico, cerchiamo di dare il massimo e fare come sempre. È necessario trovare maggiore forza perché a volte il pubblico aiuta in quei momenti difficili; il grido è necessario, l’applauso con una buona commedia, o il pazzo in un brutto, je je. Tutto ciò che serve. Verrà il momento. E personalmente, quanto impatto? Tutto questo tempo è stato difficile per molte persone, per alcune più difficili, altre meno, ma questa volta la verità l’ho vista come un tempo di riflessione, un tempo in cui si possono dare quelle benedizioni ricevute verso gli altri. Era un momento con mia moglie, per mostrare generosità agli altri. Ci piace aiutare chi ne ha bisogno. Cerchiamo di farlo, attraverso la Fondazione Juan Guillermo Cuadrado. E ‘ stato anche un momento in famiglia, per condividere, per conoscere di più i nostri figli, il loro cuore, perché essere 24/7 con loro, è un bel momento.

Come è riuscito a trovare questa regolarità nell’anno? Quando ci sono giochi così spesso è difficile rimanere, ma penso che con l’allenamento, la buona disciplina e il cibo, che ti aiuta ad essere preparato, e più giochi, avrai più ritmo. Grazie a Dio ho continuità. E ‘ il tuo Momento migliore? Sì, mi sto divertendo, anche se penso che anche alla Fiorentina ho avuto momenti molto buoni. Ma ora sono un Juan Guillermo diverso, più maturo, sapendo dove giocare, dove rischiare, quando lanciare il passaggio, il centro, invece di andare a giocare o dribblare. Io sono un’altra versione, diversa dalla Fiorentina. Ma stare in una squadra come la Juventus deve avere più meriti… Sì, in una squadra così grande, con così tanti giocatori di livello, la competizione è, e questo ti aiuta a chiedere di più, a non dare spazi in modo che non prendano il tuo posto. È importante stare bene in ogni allenamento, in ogni partita, per dare sempre il meglio.

Come ci si sente a condividere con così tante figure, rimanere ed eccellere?

Molto tranquillo. Che bello, giocare con giocatori referenti come Cristiano, Dybala, Buffon, Alex Sandro, Danilo… Hanno giocato in grandi squadre e stare con loro è un orgoglio, e più sapendo che ne faccio parte, in un grande club, lo Vivo con molta umiltà. Essere capitano della Juve in alcune partite quali ulteriori responsabilità ti ha portato? Je, je, questo è un orgoglio, essere il primo capitano Colombiano alla Juve è stata una cosa molto bella. Già dopo diversi anni qui, essere il leader della squadra e averti presente è una responsabilità, dentro e fuori dal campo, è bello che. Inoltre, abbiamo referenti importanti come Cristiano o Buffon, ed essendo tra questi leader cerco di essere un buon esempio, non solo come giocatore. Com’e ‘ stato il momento in cui hanno messo il braccialetto? Non mi hanno detto niente prima. E ‘stato contro lo Spezia e poi contro il Cagliari, ed è stato molto bello perché con Cristiano e Buffon, e che me lo hanno dato è un po’ di rispetto e quello che hai guadagnato al club. E ‘ orgoglio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

1 × 8 =