2022 FIFA World Cup certificazione: le squadre africane da guardare

0
39
2022 FIFA World Cup certificazione le squadre africane da guardare

Due volte in ritardo, il secondo turno di qualificazione per la competizione globe in Qatar inizierà sicuramente a settembre 1. Quaranta squadre, divise a destra in 10 gruppi di 4, sono ancora in corso per assicurarsi tra le 5 aree prenotate per l’Africa nelle finali della Coppa del Mondo 2022. Solo i primi classificati di ogni piscina giocheranno nel terzo turno, in partite di andata e ritorno.

Fino ad allora, il percorso sarà lungo e difficile. Numerosi pesi massimi del continente africano continueranno sicuramente ad essere sulle carte perché questo round 2nd propone combattimenti tra Camerun e Costa d’Avorio, Ghana, Sudafrica o Marocco in Guinea. Proprio qui ci sono i manifesti principali da seguire durante i primi due giorni che sicuramente si estenderanno dal 1 ° all ‘ 8 settembre. Senegal / Togo (Gruppo H, 1 ° settembre). Il Senegal potrebbe essere stato approvato per il contenitore 2022 dopo essere arrivato all’ultimo della versione 2019 oltre ad aver effettivamente raggiunto l’ultima fase della Coppa del Mondo in 2018, l’allenatore Aliou Cissé sopporta abitualmente l’obiezione, spesso acuta, del giornalismo e anche dell’opinione popolare. Le loro lamentele?

Un gioco pensato come pure freddo e anche le selezioni contestate quando si compongono gli elenchi. L’interessato, che garantisce di essere abituato agli assalti dei suoi detrattori, preferisce concentrarsi su questi primissimi 2 videogiochi di settembre contro il Togo e poi il Congo. Contro l’Eperviers togolese, attualmente gestito dal portoghese Paulo Duarte, succeduto a Claude Le Roy, Aliou Cissé potrà contare sui suoi dirigenti, composti da Sadio Mané (Liverpool), Idrissa Gueye (Paris-Saint-Germain) o Kalidou Koulibaly (SSC Napoli). I Leoni di Teranga, a lungo intimiditi da uno spostamento della tuta, avranno finalmente la possibilità di immergersi in casa, a Thiès, ma senza un target di mercato.

Algeria-Gibuti (Gruppo A, 2 settembre), Costa d’Avorio-Camerun (Gruppo D, 6 settembre)

Sulla carta, questa conferenza è uno dei semi più sbilenco del 2 ° round. È anche il più imprevisto. L’Algeria, i campioni africani 2019, continua a dominare il calcio africano così come l’allenatore Djamel Belmadi, che promuove un gioco offensivo e magnifico, sta puntando solo a credenziali per la Coppa del Mondo. A priori, i Fennec non hanno molto da temere da Gibuti, che è stato approvato per il 2 ° round dopo aver eliminato Eswatini (2-1, 0-0), una prestazione già vista come un risultato come gli Squali del Mar Rosso avevano firmato per fallire per decenni. L’arrivo nel 2019 come istruttore di Julien Mette, un giovane francese non identificato, ha cambiato il volto di questo dispositivo di spargimento. Per i giocatori gibutiani, che giocano principalmente nel campionato di quartiere, di fronte Riyad Mahrez, Sofiane Feghouli o Islam Slimani era ancora impensabile un paio di mesi prima.

Algeria-Gibuti (Gruppo A, 2 settembre), Costa d'Avorio-Camerun (Gruppo D, 6 settembre)

Questi 2 titani del calcio africano da solo nel complesso sette tazza africana di paesi (CONTENITORE) e anche dieci tazza mondiale sembra. Solo uno sarà presente in Qatar nel 2022. Il sorteggio ha scelto così, con Malawi e Mozambico, gli altri membri della Squadra C, che servono come giudici della tranquillità. Questo scontro, in programma all’Alassane Ouattara arena, sviluppato per tenere il CAN 2023, e anche programmato estremamente presto nel programma di questo secondo round, probabilmente non sarà cruciale.

Eppure il vincitore, se ce n’è uno, prenderà sicuramente un netto vantaggio sul suo avversario prima della partita di ritorno, prevista per novembre. Ivory Shore, con il beneficio del campo e anche una squadra leggermente più talentuosa, affida al favore delle previsioni, anche se il Camerun, un po ‘ più grande di 4 mesi dalla lattina che organizzerà sicuramente a gennaio 2022, ha lanciato un potere particolare nei mesi attuali, smettendo di lavorare per entusiasmare i suoi sostenitori.

Guinea-Marocco (I gruppo, 6 settembre), Benin-Repubblica Democratica del Congo (Squadra J, 6 settembre)

Vahid Halilhodzic, l’istruttore del Marocco, vive una situazione simile a quella di Aliou Cissé in Senegal. I risultati sono in genere favorevoli, ma il gioco suggerito produce un sacco di commenti di rifiuto. Insufficiente a sminuire l’inflessibile bosniaco, fedele alle sue convinzioni e che in realtà ha sempre preferito l’efficacia oltre che l’autocontrollo al fenomeno. In un team decisamente budget-friendly ma ricco di trappole (Guinea, Sudan, Guinea-Bissau), i Lions dell’Atlante accoglieranno inizialmente il Sudan (2 settembre) prima di andare a testare la Guinea, il suo sfidante a priori uno dei più regolari, a Conakry.

Guinea-Marocco (I gruppo, 6 settembre), Benin-Repubblica Democratica del Congo (Squadra J, 6 settembre)

Didier 6, una gloria precedente del calcio francese negli 1970 e negli 1980, sogna di scuotere la struttura del potere e anche di abbattere il favorito marocchino per offrire alla Guinea credenziali storiche. Gli scoiattoli del Benin e i leopardi congolesi saranno sicuramente 2 degli enormi assenti dal prossimo contenitore in Camerun e stanno scommettendo molto su una certificazione per la tazza del Globo. La Repubblica Democratica del Congo (RDC), che in realtà non è stata coinvolta dal 1974 quando la nazione era ancora chiamata Zaire, esiste come il solido preferito di questo gruppo, che comprende anche il Madagascar e la Tanzania.

Ha vergognoso allenatore Hector Cuper, a cui ha usato il più grande reddito mai pagato ad un allenatore nella RDC (50.000 euro al mese). L’argentino, che conosce la pressione – in realtà ha gestito l’Inter così come l’Egitto in particolare-sa di essere anticipato. Il suo equivalente insieme ai giocatori beninesi, il francese Michel Dussuyer, è passato davvero vicino alla porta dopo la rimozione del suo gruppo dal contenitore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 + 4 =